Cosa fare per recuperare I file da una pen drive che non funziona più

Le pen drive sono il supporto di memorizzazione portatile più economico e diffuso sul mercato. Questi piccoli drive noti anche come “chiavetta USB” hanno rimpiazzato in fretta i floppy disk e gli Zip drive. Visto il costo ridotto e la loro estrema portabilità le stanno sostituendo gradualmente anche ai CD e i DVD.

Pen drive file

Quando la pen drive funziona correttamente l’utente semplicemente la inserisce nella porta USB. Il sistema operativo la riconosce ed assegna una lettera al drive che è subito pronto senza nemmeno la necessità di riavviare. Continue reading


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Le 10 cause principali per cui si perdono file dalla chiavetta USB

Dopo anni di recupero dati i nostri clienti non finiscono di stupirci con problemi avvenuti nelle situazioni più strane. Abbiamo raccolto le 10 principali cause per il quale ci viene richiesto di recuperare i file dalla chiavetta che ha smesso di funzionare.

CIMG4649

  1.  Il computer portatile è caduto con la chiavetta inserita nella porta USB. Connettore o circuito spezzato.
  2. Continue reading


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Recuperare dati da SSD dopo sbalzo di tensione

Riceviamo da un nostro cliente un SSD Transhend da 64GB. Si tratta di un SSD esterno con interfaccia USB 3.0 utilizzato per fare il backup dei dati più importanti. Utilizzare SSD esterni per trasportare i dati può essere una buona soluzione per salvaguardarsi da urti o cadute ai quali sono spesso soggetti i dischi esterni. Come è noto gli SSD a differenza degli Hard Disk non hanno parti meccaniche in movimento, pertanto la robustezza e la resistenza ai colpi è certamente uno dei loro punti di forza. Sfortunatamente in questo caso il guasto è stato provocato da uno sbalzo di tensione. Il cliente ci riferisce che un fulmine ha colpito il suo ufficio bruciando letteralmente gran parte dell’impianto elettrico e quindi tutti gli apparecchi elettronici collegati. La potenza della scarica ha addirittura attraversato il computer fino alla porta USB e quindi allo sfortunato SSD.

SSD_transhend

Una volta rimosso il guscio per esaminare il PCB è subito evidente che alcuni componenti passivi vicini alla porta USB risultano letteralmente carbonizzati. Continue reading


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

I monoliti e il recupero dei dati persi

Nel settore del recupero dati come “monolite” viene definita una particolare tipo di configurazione hardware nel quale tutta la componentistica è racchiusa in una fusione di un polimero plastico e non direttamente accessibile. In pratica un unico mattoncino dello spessore di circa 2 mm sul quale sono visibili solo i contatti USB

L’analisi standard volta al recupero dati che comunemente viene compiuta sulle chiavette USB e sulle memory card normalmente prevede il controllo del PCB (circuito stampato) e dei componenti al fine di rilevare guasti e qualora questo non fosse possibile si procede alla rimozione del/dei chip di memoria al fine di acquisirne il contenuto e riconvertirlo nei dati desiderati attraverso l’applicazione di appositi algoritmi.

Entrambe le operazioni sono precluse nelle pen drive e nelle memory card con hardware monolitico in quanto nessuna parte elettronica è direttamente accessibile.confronto monolite e pen drive comune

Molte aziende considerano questo come un problema insormontabile e dichiarano casi simili come non recuperabili. Continue reading


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Chip di memoria con piedini rotti

Riceviamo un chiavetta USB visibilmente danneggiata. Il cliente riferisce essersi rotta a seguito di un forte urto mentre era collegata al computer.

A causa della forte torsione il chip (con fattore di forma TSOP48) è rimasto privo dei piedini su un lato e una parte di essi sull’altro che sono rimasti attaccati alle saldature sul PCB. Continue reading


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS