Recuperare dati da pen drive con hardware monolitico

La continua ricerca volta alla riduzione dei costi produttivi e della miniaturizzazione sforna continue innovazioni tecnologiche. Una delle soluzioni hardware ormai  in larga diffusione è il cosiddetto “monolite” che equipaggia già numerosi modelli di pen drive. Come anche i meno esperti del settore possono immaginare una comune pen drive racchiude al suo interno un circuito stampato in vetronite sul quale sono saldati il connettore USB e i vari componenti tra cui il controller e il chip di memoria. Questo tipo di concetto sembra volgere al termine per lasciare spazio a questa nuova soluzione. Nll’immagine di sinistra è possibile vedere come una comune pen drive contenga al suo interno un circuito standard, mentre la più piccola pen drive di destra è costituita esclusivamente da un piccolo mattoncino nero dal quale fuoriescono solo i contatti per la porta usb. Continue reading


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Pen drive con connettore USB spezzato

Uno dei casi più comuni che ci capita di trattare è il classico connettore USB staccato dalla pen drive. Finchè la pen drive resta inserita nella porta USB è certamente molto delicata e soprattutto diviene una sporgenza ideale per ricevere colpi. Una delle situazioni sfortunatamente più diffuse è forse il calcio involontario alla chiavetta USB infilata nel PC sotto la scrivania o anche il PC portatile che cade con la pen drive inserita.

Quando il circuito della pen drive non si spezza generalmente negli urti di media intensità la prima parte che cède è il connettore USB in quanto collegato al PCB con i soli piedini. Nella foto seguente esaminiamo proprio un caso simile.

Continue reading


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS