Recuperare dati da SSD dopo sbalzo di tensione

Riceviamo da un nostro cliente un SSD Transhend da 64GB. Si tratta di un SSD esterno con interfaccia USB 3.0 utilizzato per fare il backup dei dati più importanti. Utilizzare SSD esterni per trasportare i dati può essere una buona soluzione per salvaguardarsi da urti o cadute ai quali sono spesso soggetti i dischi esterni. Come è noto gli SSD a differenza degli Hard Disk non hanno parti meccaniche in movimento, pertanto la robustezza e la resistenza ai colpi è certamente uno dei loro punti di forza. Sfortunatamente in questo caso il guasto è stato provocato da uno sbalzo di tensione. Il cliente ci riferisce che un fulmine ha colpito il suo ufficio bruciando letteralmente gran parte dell’impianto elettrico e quindi tutti gli apparecchi elettronici collegati. La potenza della scarica ha addirittura attraversato il computer fino alla porta USB e quindi allo sfortunato SSD.

SSD_transhend

Una volta rimosso il guscio per esaminare il PCB è subito evidente che alcuni componenti passivi vicini alla porta USB risultano letteralmente carbonizzati. Continue reading


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Pen Drive, SSD ed errori delle memorie flash

La natura delle memorie NAND Flash con il quale vengono fabbricate le comuni Pen Drive, gli SSD e le memory card ad uso fotografico, le rende suscettibili a diversi tipi di corruzione dei dati. Allo stesso modo di come gli Hard Disk e i Floppy disk sono a rischio nelle vicinanze di forti campi magnetici, le memorie NAND hanno diversi tipi di vulnerabilità, alcune delle quali si possono manifestare in situazioni normalissime come ad esempio una semplice operazione di lettura. Continue reading


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS